Edizione 2017
In gara anche Laura Orguè
lunedì 17 luglio 2017

Laura Orguè
Laura Orguè

Si annuncia un’edizione da record per la Dolomites SkyRace che venerdì 21 e sabato 22 luglio festeggerà il suo ventesimo compleanno. A pochi giorni dal via del duplice appuntamento valido per le Skyrunner® World Series stanno arrivando anche le adesioni degli atleti di punta delle 27 federazioni nazionali finora rappresentate e dei team privati e i numeri sono davvero importanti. Chiuse le iscrizioni dei big già a gennaio in poche ore al raggiungimento di quota 750 runners ora le cifre totali fra il Dolomites Vertical Kilometer del venerdì e la Dolomites SkyRace del sabato sfiorano quota 1300 partecipanti. Conferma del fascino che gode questa competizione nel panorama internazionale e del richiamo che ha per i numerosi appassionati che non vogliono mancare alla gara che si svolge in un contesto paesaggistico strepitoso, immersi nelle vette delle Dolomiti di Fassa.
Dopo l’adesione del team La Sportiva della settimana scorsa, con tutti gli specialisti della sfida vertical e i più forti corridori del cielo della gara lunga, fra i quali il vincitore delle ultime due edizioni Tadei Pivk, sono arrivate anche le iscrizioni del Team Salomon e del team Crazy Idea, azienda partner della manifestazione.
Per quanto riguarda la squadra valtellinese saranno in gara Mattia Gianola, Andrea Debiasi, William Boffelli, Giovanni Tacchini, Gil Pintarelli, Leo Viret, Marco Leoni, Davide Pierantoni, Matteo Pigoni e Fulvio Dapit. A difendere invece i colori del team francese ci saranno alcuni dei maggiori interpreti mondiali. Prima della lista la spagnola Laura Orguè i Vila, vincitrice di due delle ultime tre edizioni e sempre sul podio a Canazei dal 2014. Oltre alla catalana ci saranno in gara i francesi Robin Juillaguet e Gédéon Pochat, lo spagnolo Jan Margarit Solé, gli svizzeri Martin Anthamatten e Rémi Bonnet, la sua connazionale Victoria Kreuzer e la francese con passaporto italiano Stephanie Jimenez, in testa alla classifica delle World Series nel vertical, ma in gara nella skyrace.
Infine non mancheranno i giovani più interessanti nel panorama mondiale, ovvero il trentino di Vermiglio Davide Magnini e il lecchese di Galbiate Andrea Rota, che sta sorprendendo tutti in questa stagione. Non sono escluse comunque sorprese degli ultimi giorni in quanto ad iscrizioni di atleti di prima fascia.
Molte le novità proposte dal Comitato Organizzatore per il ventennale, a partire dal programma che si sviluppa sue due giornate consecutive, ovvero il Vertical venerdì e la skyrace sabato, quest’ultima con un percorso diverso e allungato per ricordare la figura del fondatore Diego Perathoner. Il tracciato quest’anno misurerà infatti 23,5 km e 1950 metri di dislivello e vedrà gli atleti salire verso Passo Pordoi più ad est, transitando proprio sulla pista da sci Diego. Proprio sul tratto che si sviluppa sulla pista è previsto un cronometraggio con una graduatoria ad hoc e riservato agli atleti dal pettorale 101 in poi, quindi non i big, con in palio un premio speciale. Il Dolomites Vertical Kilometer prevede la solita ascesa da Alba di Canazei allo Spiz di Crepa Neigra per uno sviluppo i 2400 metri e 1015 metri di dislivello. Domenica mattina invece spazio solo alla Mini Dolomites Skyrace.
Fra le novità prevista anche una diretta streaming sul canale You Tube "TDS Live” con ben 8 telecamere fisse sul percorso, visibile anche dal sito internet www.dolomiteskyrace.com, e la diffusione internazionale dell’evento su una piattaforma europea dedicata agli sport outdoor sulle principali emittenti nazionali.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,453 sec.